Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

«Il gioco spontaneo del bambino nel quadro educativo-preventivo e scolastico»

5 novembre 2016 - 6 novembre 2016

Relatore: Prof. Bernard Aucouturier
Porcia (PN), 5 e 6 novembre 2016

Premessa
Apro questa premessa al Seminario «Il Gioco spontaneo del bambino» con una sollecitazione che il prof. Bernard Aucouturier ha rivolto agli educatori e ai genitori in generale:
«Educatori, famiglia: i bambini tengono un tesoro in loro, non toglieteglielo, cercando di insegnare loro troppe cose. Guardateli, attendete il momento opportuno, lasciateli agire e trasformarsi, non parlate loro né del bello e né del brutto, lasciateli esprimere, lasciateli vivere ed amare la vita giocando!»
Per ogni bambino le esperienze di gioco spontaneo ripetute istituiscono una fiducia crescente nella affidabilità al mondo esterno e una fiducia in se stesso, nei suoi propri meccanismi di padronanza fantasmatica in rapporto all’agito e agli oggetti investiti.
Le vie dell’esperienza corporea che costruiscono il giocare del bambino sono molte (la propriocezione muscolare e articolatoria delle posture e del movimento, il tatto, la vista, le afferenze vestibolari) e corredate da importanti e particolari aspetti psicofisiologici radicati e strutturati dalle dinamiche primitive e globali della relazione tonico-emozionale con l’oggetto maternante e che costituiscono il substrato essenziale della vita affettiva.
Il gioco diviene, così, mezzo per allontanare e/o avvicinare, sfumare, attenuare, trasformare, la storia – piacevole e spiacevole – dell’incontro-relazione passato ed attuale con l’altro.
Il gioco è una sintesi polisensoriale-affettiva-tonico-emozionale dinamica, cioè continuamente mutevole perché adattata alle trasformazioni interne ed esterne del bambino; è lo spazio psicologico che diviene il teatro dell’avventura umana.
Nel gioco che il bambino crea egli dà forma all’illusione assumendo il ruolo di personaggi e trasformando gli oggetti e lo spazio, poi progressivamente se ne «spoglia», ne prende distanza, si allontana, ri-torna al «qui ed ora» del contesto.
Conoscere il bambino – il suo mondo interiore – presuppone dargli la possibilità di rivelarsi e perché ciò avvenga non c’è che un modo: metterlo in una situazione libera, situazione che gli consentirà di esprimere le sue gioie, le sue paure, le sue ansie.
«Per terminare possiamo dire che il gioco, secondo Winnicott, è una dialettica tra la soggettività e la realtà, tra interiorità ed esteriorità.» B. Aucouturier (ARFAP, Bassano 2016)
Sonia M. Compostella
Bibliografia
  • B. Aucouturier, Il Metodo, Milano, Franco Angeli, 2005.
  • B. Aucouturier, Il bambino terribile e la scuola, Milano, Cortina, 2015.
  • B. Aucouturier, G. Mendel, …I bambini si muovono in fretta…, Bologna, Edizioni Scientifiche CSIFRA, 2003.
  • Atti del Convegno Internazionale Il bambino e la sua espressività motoria, Abano Terme (PD), aprile 1987.
  • W. Fornasa, R. Medeghini, Abilità differenti, Milano, Franco Angeli, 2003.
  • I. Spano, Infanzia oggi – Alla ricerca di un mondo perduto, Padova, Sapere, 2000.
  • M. Recalcati, L’ora di lezione, Torino, Einaudi, 2015.
  • R. C. Russo, intervento al Convegno C.A.I.P., 2007.
Temi del seminario
  • La genesi del gioco spontaneo;
  • l’importanza del gioco spontaneo nello sviluppo somatopsichico del bambino
  • la Pratica Psicomotoria fondata sul gioco spontaneo del bambino: gli obiettivi, il dispositivo spazio-temporale, l’attitudine dell’adulto;
  • l’osservazione del gioco spontaneo;
  • il bambino che non gioca.
Partecipanti

Il Seminario si rivolge a puericultrici, educatrici di asilo nido, insegnanti della scuola dell’infanzia e primaria, educatori professionali, psicologi e quanti operano in contesti educativi con bambini da 0 a 6/7 anni di età.

Tempi del seminario
Il Seminario si terrà presso l’Auditorium “R. Diemoz” in via delle Risorgive a Porcia (PN), nei giorni 5 e 6 novembre 2016 con i seguenti orari:
  • Sabato 5 novembre 2016 ore 09.00 – 13.00 e ore 14.00 – 18.00;
  • domenica 6 novembre 2016 ore 09.00 – 13.00.
Modalità di iscrizione
Per iscriversi al seminario è possibile inviare un sms al numero 320/6332169 oppure inviare un’email all’indirizzo arfapbassano@gmail.com con i propri dati.
Termine per effettuare l’iscrizione venerdì 28 ottobre 2016 (e comunque fino ad esaurimento posti disponibili).
Quota di partecipazione
  • non soci (con rilascio di fattura): € 130,00;
  • soci ARFAP già in regola con la quota associativa 2016: € 110,00.
Avviso per pagamento: deve essere effettuato in contanti, se possibile esatti, in loco prima dell’inizio del seminario. Alle persone fisiche non in possesso di P.I. e salvo indicazioni contrarie ovvero esplicita richiesta di fattura, provvederemo a inviare nei giorni successivi la ricevuta del pagamento così suddivisa: € 20,00 per quota associativa anno 2016 e quota rimanente per iscrizione al seminario.
Per l’invio delle ricevute o fatture si chiede cortesemente di lasciare un indirizzo e-mail, se posseduto.
Attestato di partecipazione

Alla fine del seminario verrà consegnato un Attestato di partecipazione, indicante i giorni e le ore di effettiva presenza.

Luogo

Arfap Bassano
Via Vaccari, 3
Bassano del Grappa, Vicenza 36061 Italia
Telefono:
320 633 21 69
Sito web:
www.arfapbassano.it

Organizzatore

Arfap Bassano
Telefono:
320 633 21 69
Email:
arfapbassano@gmail.com
Sito web:
www.arfapbassano.it