Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

«Seminario di approfondimento sulla Pratica Psicomotoria Educativa e Preventiva»

9 febbraio 2013 - 10 febbraio 2013

Relatore: Prof. Bernard Aucouturier
9 e 10 febbraio 2013
Presentazione del Seminario
«(…) non c’è esercizio del pensare senza un continuo ripensare, non c’è pensiero senza un paziente ritorno sul già pensato.» (E. Garlaschelli, S. Petrosino – Lo stare degli uomini – Sul senso dell’abitare e sul suo dramma, Ed. Marietti 2012)
Desidero raf-forzare la precedente citazione con una frase di R. Barthes, citata nel testo Lo stato degli uomini: «Vi è un’età in cui si insegna ciò che si sa; ma poi ne viene un’altra in cui si insegna ciò che non si sa: questo si chiama cercare. Ora è forse l’età di un’altra esperienza: quella di disimparare, di lasciar lavorare l’imprevedibile rimaneggiamento che l’oblio impone alla sedimentazione delle cognizioni, delle culture, delle credenze che abbiamo traversato».
“Lavorare l’imprevedibile rimaneggiamento” e “cercare” sembrano essere azioni conseguenti e dinamiche che allontanano lo stato fisso, modello delle cose, o meglio – come scrive E. Garlaschelli (filosofo) nel dialogo con S. Petrosino (filosofo) – «immunizzandoci dalla “tentazione della totalità” (di M. Augé)».
Un processo di “de-costruzione” che apre alla “costruzione” di nuove mappe mentali che, pur “custodendo” i principi di base fondanti la PPA, accolgono, “ascoltano” le istanze della ricerca attuale e delle nuove concezioni a livelli diversi – neurobiologia, psicologia, pedagogia, filosofia -, ripensando l’Idea della PPA nel percorso del Tempo attuale. Una continua ri-conquista del senso profondo della PPA attraverso un ripensamento, una rivisitazione che ne evidenzia tuttavia le strutture basilari.
Riprendo ancora un passo dal testo sopracitato in cui S. Petrosino dice «Heidegger lo ripeteva spesso: l’ovvio è nemico del vero. Da questo punto di vista bisogna avere il coraggio e la pazienza di interrogarsi ogni volta sempre da capo su termini e concetti che si rischia di considerare come del tutto evidenti e di conseguenza non meritevoli di alcun supplemento d’indagine».
Penso di poter affermare che il Seminario che si aprirà il 9 e 10 Febbraio 2013 – condotto dal Prof. Bernard Aucouturier – si connoti, ancora una volta, come LuogoTempo di Cultura in cui con atteggiamento di impegno, di iniziativa, di ricerca, di creatività e di continua confrontazione, l’autore stesso della PPA offre ulteriori “supplementi di indagine” della PPA.
 
 
«Custodire la PPA restando aperti al futuro»
Indagare, interrogarsi è un’azione di ricerca rivelatrice del particolare che sempre è parte del tutto, ma come la punta di un iceberg at-trae l’attenzione verso ciò che Bernard Aucouturier definisce “la ricerca di senso” dell’azione, del gioco del bambino, al fine di com-prendere le peculiarità singolari della costituzione stessa della soggettività. Ecco perché in tale ricerca di senso è il “come” che risalta ancor prima e più del “perché”: come – quel/la bambino/a – fa quello che fa. Chiedere e chiedersi il perché lo fa è già introdursi in un’area interpretativa che devia l’occhiomente dall’ac-cogliere ciò che è là di fronte a noi.
Questo nuovo Seminario introduce una dinamica seminariale pressoché “inconsueta”,
una sorta di “azione maieutica” in cui il portato del relatore apre un “dialogo deduttivo” da parte dei partecipanti. È l’invito ad una co-partecipazione che potrà permettere ad ogni partecipante di sentirsi un ascoltatore attivo ed interattivo.
Proprio perché il Seminario si annuncia come un’esperienza nuova, non è segnalato a priori un programma di temi da trattare (come solitamente enunciati nei precedenti seminari). Il “quadro”, la “biografia” della PPA prenderà forma mano a mano attraverso il dialogo e lo scambio, come una sorta di “ritessitura” a più mani o meglio a più voci che riannoda e rilancia i nessi tra il passato (il già conosciuto), il presente (la continua ricerca), il futuro (nuove elaborazioni) per una de-finizione (mai totalmente “finita”) sempre più dettagliata e chiara dei fondamenti teorici e pratici della Pratica Psicomotoria.
Nell’intento di rendere fin da ora co-partecipi tutti coloro che seguiranno il Seminario, desidero riportare in lingua francese la proposta del Prof. Bernard Aucouturier per tale evento (segue poi la traduzione in italiano).
«Séminaire d’approfondissement sur la Pratique Psychomotrice Éducative et préventive
Aprés plusieurs séminaires sur l’action et le developpement de la pensée de l’enfant, sur le jeu et l’histoire racontée le Professeur Aucouturier revient à la Pedagogie de la Pratique, ainsi qu’à la connaissance psychologique de l’enfant par l’observation du jeu libre et spontané.
A partir de documents visuels projettés, les partecipants seront invités à réflechir sur le sens des actions jouées par l’enfant au cours du déroulement de la séance.
Des groups de réflexion seront formés et transmettront au public le fruit de leurs réflexions, reprises par le Professeur Aucouturier.»
Traduzione
«Seminario di approfondimento sulla Pratica Psicomotoria Educativa e Preventiva
Dopo molti seminari centrati sui temi dell’azione, dello sviluppo del pensiero del bambino, sul gioco e sulla storia raccontata il Professor Aucouturier fa ritorno alla Pedagogia della Pratica, così come alla trattazione della conoscenza psicologica del bambino tramite l’osservazione del gioco libero e spontaneo.
A partire dalla proiezione di documenti, i partecipanti saranno invitati a riflettere sul senso delle azioni giocate dal bambino nell’arco di svolgimento della seduta.
Saranno poi costituiti dei gruppi di riflessione e discussione i quali dovranno trasmettere pubblicamente il frutto delle loro riflessioni che saranno riprese ed approfondite dal Professor Aucouturier.»
Ritengo che l’esperienza di apprendere non ha arresto, è la base essenziale della vera autonomia intellettuale di ogni Persona che sfidando l’ovvio ed il “già appreso”, può vivere una disponibilità recettiva lasciandosi interrogare dal “nuovo”.
Sonia Compostella
Partecipanti

Il Seminario si rivolge a puericultrici, educatrici di asilo nido, insegnanti della scuola dell’infanzia e primaria, educatori professionali, psicologi e quanti operano in contesti educativi con bambini da 0 a 6/7 anni di età.

Orari e sede del Seminario
Il Seminario si terrà nei giorni 9 e 10 febbraio 2013 con i seguenti orari:
  • Sabato 9 febbraio: ore 9.00-13.00 e 14.30-18.30;
  • Domenica 10 febbraio: ore 9.00-13.00.
Il Seminario si terrà presso la Sala Congressi dell’Hotel Palladio in via Gramsci 2 a Bassano del Grappa (VI).
Modalità di iscrizione
Per iscriversi al seminario è possibile inviare un sms al numero 320/6332169 oppure inviare un’email all’indirizzo arfapbassano@gmail.com con i propri dati.
Termine improrogabile per effettuare l’iscrizione sabato 2 febbraio 2013 (e comunque fino ad esaurimento posti disponibili).
Quota di partecipazione
  • non soci (con rilascio di fattura): € 120,00;
  • soci ARFAP già in regola con la quota associativa 2013: € 100,00.
Avviso per pagamento
Deve essere effettuato in contanti, se possibile esatti, in loco prima dell’inizio del seminario. Alle persone fisiche non in possesso di P.I. e salvo espresse indicazioni contrarie ovvero esplicita richiesta di fattura, provvederemo a inviare nei giorni successivi la ricevuta del pagamento così suddivisa: € 20,00 per quota associativa anno 2013 e € 100,00 per quota iscrizione seminario.
Per l’invio delle ricevute o fatture si chiede cortesemente di lasciare un indirizzo e-mail, se posseduto.
Attestato di partecipazione

Alla fine del seminario verrà consegnato un Attestato di partecipazione, indicante i giorni e le ore di effettiva presenza.

ARCHIVIO EVENTI

Luogo

Arfap Bassano
Via Vaccari, 3
Bassano del Grappa, Vicenza 36061 Italia
Telefono:
320 633 21 69
Sito web:
www.arfapbassano.it

Organizzatore

Arfap Bassano
Telefono:
320 633 21 69
Email:
arfapbassano@gmail.com
Sito web:
www.arfapbassano.it