LA PRATICA PSICOMOTORIA AUCOUTURIER “PPA”

 

La Pratica Psicomotoria Aucouturier “PPA” si inscrive nella grande area della Psicomotricità che a differenti livelli e modi delinea una “storica” riappropriazione dell’individualità umana, nella sua integrità bio-psichica, rivelando il senso della presenza della dimensione corporea nelle vicende individuali umane, nell’educazione, nel “prendere cura” dell’altro, nella cultura attuale in generale.
Il corpo ed il movimento, in generale, sono ora considerati la “piattaforma” generale dello sviluppo, della costruzione della persona-bambino, della rappresentazione prima e logico-formale dopo, come sostiene H. Wallon “dall’atto al concreto”.
La lunga e continuativa attività di ricerca ed approfondimento pratico-teorico nell’ambito della psicomotricità, ha condotto il professore Bernard Aucouturier ad elaborare una propria ed originale teorizzazione ed una corrispondente proposta educativo-preventiva e terapeutica: LA PRATICA PSICOMOTORIA AUCOUTURIER – “PPA” (acronimo, il Prof. Bernard AUCOUTURIER, in data 30 gennaio 2009 ha registrato a livello europeo il marchio “PPA” con il suo nome, atto di registrazione n° 7562556).

Una pratica che fonda i propri principi sul rispetto della persona. “ Il concetto di “persona” è difficile da definire, ma si può dire che la persona si riconosce nella continuità della sua vita mentale e dei suoi affetti, nella capacità di vivere in uno spazio sociale, nelle sue capacità di integrare e distinguere tra il bene e il male.”
( B. Aucouturier)

Lo stesso Autore afferma “ Quando parliamo di psicomotricità prendiamo in considerazione inevitabilmente la globalità dell’essere umano, riferendoci alla sua unità somatopsichica. In particolare, nella persona/bambino tale globalità esistenziale è ancora più vera in quanto è manifestata da azioni che lo legano emozionalmente al mondo.”

La Pratica Psicomotoria Aucouturier si riferisce e contempla quindi il processo di maturazione psicologica del bambino “che corrisponde ad un periodo in cui appunto le sensazioni, il tono, la motricità, gli affetti sono indissociabili dalla genesi dei processi psicologici consci ed inconsci. La formazione del pensiero immaginario e del pensiero produttivo ha le sue radici da esperienze sensomotorie ed affettive.”
( B. Aucouturier)

Lo stesso Autore afferma “ Quando parliamo di psicomotricità prendiamo in considerazione inevitabilmente la globalità dell’essere umano, riferendoci alla sua unità somatopsichica. In particolare, nella persona/bambino tale globalità esistenziale è ancora più vera in quanto è manifestata da azioni che lo legano emozionalmente al mondo.”
La Pratica Psicomotoria Aucouturier si connota nei due orientamenti:

  • Pratica Psicomotoria educativa-preventiva: definita come una pratica di aiuto alla maturazione psicologica del bambino tramite la via dell’espressività motoria e del gioco spontaneo (da 1 anno a 6/7 anni). Si sviluppa nel contesto istituzionale educativo (pubblico o privato) con il gruppo classe, con la presenza di uno psicomotricista formato in un Centro di Formazione PPA riconosciuto dall’EIA (formato al 1° ed al 2° livello della PPA)
  • Pratica Psicomotoria di Aiuto terapeutico: definita come una pratica di aiuto alle alterazioni del processo di sviluppo (le alterazioni psicomotorie). Si realizza nel contesto dell’istituzione sanitaria pubblica e nei Centri PPA-EIA privati, attraverso: l’Aiuto psicomotorio individuale e l’Aiuto psicomotorio in piccolo gruppo.

 

La Pratica Psicomotoria Aucouturier è svolta unicamente da un professionista psicomotricista-Specialista in PPA, formato ai due livelli della PPA in un Centro di Formazione PPA riconosciuto dall’EIA.